Contattaci

Patatine fritte: la ricetta che piace a tutti!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...Loading...

Un piatto veloce ma squistito che piace davvero a tutti e che, se fatto nel modo giusto, diventa una vera specialità!

patate-fritte-croccanti-fonzie
  • Dosi per
    4 Persone
  • Tempo di preparazione
    10 Minuti
  • Tempo di cottura
    7 Minuti
  • Tempo totale
    17 Minuti
  • Calorie
    312

Vi sfidiamo a trovare un solo individuo sulla faccia della terra che non ami le patatine fritte: piatto preferito di grandi e piccoli, è tra le poche pietanze che, possiamo starne sicuri, non avanzerà mai a tavola! Oggi vi daremo la ricetta per fare delle patatine fritte perfette, croccanti al punto giusto, e che faranno felici davvero tutti.

Patatine fritte: una ricetta con poche regole.

Probabilmente molti di voi staranno pensando che non ci sia nemmeno bisogno di pubblicare una ricetta per le patatine fritte, in quanto è uno dei piatti più facili del mondo.

In effetti i passaggi sono pochi, ma bisogna conoscere qualche piccola regola e qualche trucco del mestiere che ci permetterà di prepararle nel modo migliore. Ma cominciamo dall’inizio: il rischio più grosso nel preparare le patatine fritte è che vengano “mosce”, e non c’è niente di peggio di una patatina fritta molliccia e non croccante! Come fare per evitare questo inconveniente? E’ presto detto:

  • Innanzitutto comperate delle patate a pasta gialla, che contengono meno amido e sono meno acquose.
  • Armatevi di pazienza e, dopo averle sbucciate, mettetele a mollo per almeno 1 ora in acqua fredda, in modo che perdano tutto l’amido (il nemico numero uno della croccantezza).
  • Ricordatevi poi di asciugarle molto bene (tutti sanno che l’acqua nell’olio bollente schizza non poco).
  • E’ importantissimo che le patatine fritte vadano immerse nell’olio alla giusta temperatura, quindi non abbiate fretta! Immergetevi uno stuzzicadenti o un pezzettino di pane fresco: se sfrigolano vuol dire che la temperatura è quella giusta e l’olio formerà all’istante una pellicola sule patatine che le sigillerà ed eviterà che si impregnino.

Patatine fritte: l’importanza della padella!

Se possedete una friggitrice ovviamente il problema non si pone ma, se per friggere le patatine utilizzerete una padella, optate innanzitutto per una con i bordi alti, in modo che l’olio vada a coprire bene tutte le patatine (se la padella non è abbastanza grande, friggetele un pò per volta).

Volete sapere qual’è la padella migliore per friggere? Udite udite: è la classica e vecchia padella di ferro della nonna! Per quale motivo? Ora ve lo spieghiamo:

  • Il ferro innanzitutto mantiene perfettamente costante il calore.
  • Le padelle di ferro non rilasciano sostanze nocive durante la cottura.
  • Grazie ad una speciale reazione di “caramellizzazione” degli zuccheri presenti sulla superficie delle patatine, la crosticina di quest’ultime diviene davvero squisita.

Ricordatevi di non coprire mai la padella con un coperchio, altrimenti il vapore acqueo che si svilupperà renderà la croccantezza un miraggio!

Chiudiamo queste piccole “istruzioni per l’uso” con un’ultima indicazione: le patatine fritte vanno sempre salate dopo la cottura, e mai prima, in quanto il sale tende a richiamare acqua sulla loro superficie!

Bene, ora non vi resta altro che cimentarvi nella ricetta, e magari venire a provare le nostre patatine fritte, annovarate fra le migliori di Roma nella classifica stilata da Roma Today

Vi aspettiamo!

Ingredienti

  • 800 gr patate a pasta gialla
  • qb olio EVO
  • qb sale

Procedimento

  1. Sbucciare le patate e lasciarle 1 ora circa in ammollo in acqua fredda.
  2. Asciugarle bene con un canovaccio, tagliarle a metà nel senso della lunghezza e poi ricavarne dei bastoncini.
  3. Mettere abbondante olio EVO in una padella con i bordi alti e portarlo ad una temperatura di circa 180°.
  4. Tuffarvi le patatine e lasciarle friggere per 5-7 minuti, finchè non diventano dorate.
  5. Scolarle con una schiumarola ed adagiarle su della carta assorbente, in modo da eliminare tutto l’olio in eccesso.
  6. Salare a piacere e servire calde.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This